19 Marzo: San Giuseppe (Biografia dialogata)



San Giuseppe (19 Marzo)
Che cosa sappiamo di questo gigante della fede?
Le notizie certe su di lui sono poche e tutte forniteci dai brevi cenni dei Vangeli di Luca e Matteo.

Altre fonti biografiche ci sono giunte dagli scritti apocrifi, che però non ci sono d’aiuto in quanto leggendari. Una simpatica storia, tuttavia, ce ne dà una bell’immagine: in gara con altri giovani aspiranti alla mano di Maria, Giuseppe sarebbe stato scelto perché, dei bastoni distribuiti a tutti i pretendenti, solo il suo sarebbe fiorito, mentre gli altri si seccarono. Il significato della leggenda è interessante: dal ceppo inaridito dell’Antico Testamento fiorisce la grazia del Redentore. E questo grazie a Giuseppe, che, discendendo da Abramo e Davide, inserisce Gesù, di diritto, nel popolo ebraico.

Spesso è definito uomo “giusto”, perché?
Perché agisce secondo Dio, superando la giustizia “degli uomini”, che, nel suo caso, avrebbe voluto che Maria, giovane donna rimasta incinta prima di andare a vivere col futuro sposo, fosse lapidata, uccisa a sassate, come prescriveva la legge. Giuseppe ha saputo andare oltre la disumanità di questa norma, ascoltando il suo cuore.

Per quanto possa sembrarci ovvia la sua scelta, non deve apparirci tuttavia scontata. Proviamo a metterci nei suoi panni e, con la fantasia, a tornare indietro di duemila anni: umanamente tutto lasciava pensare che Maria fosse andata con un altro uomo.. Quale dolore avrà provato Giuseppe per il presunto tradimento? Quale rabbia nei confronti della fidanzata? Rabbia che avrebbe potuto sfogare, la legge lo avrebbe supportato.. Quanti avrebbero agito diversamente? Lui invece no!

La sua paternità è particolare, è definito infatti padre “putativo” di Gesù.. che cosa significa?
Putativo deriva dal latino putàre, cioè “pensare, credere, reputare”. Giuseppe è definito in altre parole il padre “presunto”, ovviamente dalla gente. Eppure la sua paternità è meravigliosa: «Se per essere genitori basta un attimo – recita un vecchio detto – per essere padre e madre occorre una vita», e il nostro Giuseppe non si è sottratto a questa speciale forma di paternità, che certo gli sarà costata anche fatiche e umiliazioni. A noi, dopo duemila anni, la vicenda è nota, seppur con gli occhi della fede, ma i suoi contemporanei cosa avranno pensato di lui? Quanto ne avranno sparlato nelle piazze e lungo le strade, quando attraversava le vie del paese con la moglie accanto e quel bimbo in braccio, che tutti pensavano non suo? E quando, dopo tre giorni, ha ritrovato Gesù dodicenne al tempio e, preoccupato e presumibilmente arrabbiato col figlio scomparso, si è sentito rispondere da lui che “doveva occuparsi delle cose del Padre suo”, alludendo non certo a Giuseppe, come si sarà sentito? La sua grandezza sta anche in questo.

Il nome Giuseppe ci rimanda però ad un altro personaggio della Bibbia..
Il primo Giuseppe – che in ebraico significa “Dio aggiunga”, sottintendendo “altri figli” – lo incontriamo nel libro della Genesi, un patriarca, Giuseppe “il sognatore”, così chiamato dai suoi fratelli a causa dei sogni che faceva. Tale caratteristica lo collega allo sposo di Maria, anch’egli visitato in sogno da Dio alcune volte, tutte narrateci da Matteo: la prima per sentirsi dire di “non temere” di prendere con sé la giovane fidanzata; la seconda per essere avvertito del diabolico piano di Erode, con conseguente fuga in Egitto; la terza infine come invito a tornare in Israele, data la morte del malvagio re.

Cos’altro sappiamo di Giuseppe?
Nulla, dato che, dopo il ritrovamento al tempio di Gerusalemme, i Vangeli tacciono. Tutto lascia pensare che al momento della predicazione pubblica di Gesù, Giuseppe fosse già morto. Questo “silenzio” sul suo conto è durato tuttavia fino al IX secolo, quando ha iniziato a fiorire il suo culto. Eppure, per quanto possa sembrarci strano, la grandezza di quest’uomo sta proprio nella sua fiducia silente, in questa presenza discreta ma evidente al tempo stesso, oltre che nella speciale custodia di cui è stato fatto oggetto, ha saputo infatti – ci ricorda San Bernardino da Siena – stare accanto e proteggere i due tesori più grandi dell’umanità: Gesù e Maria.

Spesso si parla delle reliquie di questo santo.. cosa c’è di vero?
Del corpo non si hanno notizie, mentre di alcuni oggetti a lui appartenuti – ma anche in questo caso di certo c’è ben poco – si possono fregiare l’eremo di Camaldoli, che ne conserva il bastone, e la diocesi di Perugia, che dal 1477 si vanta possederne l’anello nuziale.

In questo giorno, che in molte località è caratterizzato dai falò, simbolico passaggio dall’inverno alla primavera, ti chiediamo Signore di accogliere il nostro servizio sacerdotale, «e donaci la stessa fedeltà e purezza di cuore, che animò san Giuseppe nel servire il tuo unico Figlio, nato dalla Vergine Maria» (cfr. preghiera “sulle offerte” della Messa).

Recita
Tiziana Sensoli, Stefano Gazzoni

Musica di sottofondo
Arrangiamento musicale di Gabriele Fabbri

 

Che giorno fa? (Solennità e Feste) 30 Novembre: Sant'Andrea Apostolo (Biografia dialogata) Tempo di Avvento (Catechesi dialogata) 8 Dicembre: Immacolata Concezione (Catechesi dialogata) 25 Dicembre: Natale del Signore (Catechesi dialogata) 26 Dicembre: Santo Stefano (Biografia dialogata) 27 Dicembre: San Giovanni Evangelista (Biografia dialogata) 28 Dicembre: I Santi innocenti (Catechesi dialogata) 26 Dicembre : Santa Famiglia (Catechesi dialogata) 1 Gennaio: Maria, madre di Dio (Catechesi dialogata) 6 Gennaio : Epifania del Signore (Catechesi dialogata) 9 Gennaio: Battesimo del Signore (Catechesi dialogata) 25 Gennaio: Conversione di San Paolo (Biografia dialogata) 2 Febbraio: Presentazione del Signore (Catechesi dialogata) 14 Febbraio: Santi Cirillo e Metodio, San Valentino (Biografia dialogata) 22 Febbraio: Cattedra di san Pietro (Catechesi dialogata) Mercoledì delle Ceneri (Catechesi dialogata) 19 Marzo: San Giuseppe (Biografia dialogata) 25 Marzo: Annunciazione del Signore (Catechesi dialogata) Giovedì Santo (Catechesi dialogata) Venerdì Santo (Catechesi dialogata) Sabato Santo (Catechesi dialogata) Pasqua di Resurrezione (Catechesi dialogata) 25 Aprile: San Marco evangelista (Biografia dialogata) 29 Aprile : Santa Caterina da Siena (Biografia dialogata) 3 Maggio: Santi Filippo e Giacomo (Biografia dialogata) Ascensione del Signore (Catechesi dialogata) 14 Maggio: San Mattia apostolo (Biografia dialogata) 31 Maggio: Visitazione della beata Vergine Maria (Catechesi dialogata) Pentecoste. VIII domenica di Pasqua (Catechesi dialogata) Santissima Trinità. I domenica dopo Pentecoste (Catechesi dialogata) Santissimo Corpo e Sangue di Cristo. II domenica dopo Pentecoste (Catechesi dialogata) Sacratissimo Cuore di Gesù (Catechesi dialogata) 24 Giugno: Natività di San Giovanni Battista (Biografia dialogata) 29 Giugno: Santi Pietro e Paolo (Catechesi dialogata) 3 Luglio: San Tommaso apostolo (Biografia dialogata) 11 Luglio: San Benedetto (Biografia dialogata) 22 Luglio: Santa Maria Maddalena (Biografia dialogata) 23 Luglio: Santa Brigida di Svezia (Biografia dialogata) 25 Luglio: San Giacomo apostolo (Biografia dialogata) 6 Agosto: Trasfigurazione del Signore (Catechesi dialogata) 9 Agosto: Santa Teresa Benedetta della Croce (Biografia dialogata) 10 Agosto: San Lorenzo (Biografia dialogata) 15 Agosto: Assunzione della beata Vergine Maria (Catechesi dialogata) 24 Agosto: San Bartolomeo apostolo (Biografia dialogata) 8 Settembre: Natività della Beata Vergine Maria (Catechesi dialogata) 14 Settembre. Esaltazione della Santa Croce (Catechesi dialogata) 21 Settembre: San Matteo apostolo ed evangelista (Biografia dialogata) 29 Settembre: Santi Arcangeli Michele, Gabriele e Raffaele (Catechesi dialogata) 4 Ottobre: San Francesco d'Assisi (Biografia dialogata) 18 Ottobre: San Luca evangelista (Biografia dialogata) 28 Ottobre: Santi Simone e Giuda (Biografia dialogata) 1 Novembre: Tutti i Santi (Catechesi dialogata) 2 Novembre: Commemorazione dei fedeli defunti (Catechesi dialogata) 9 Novembre: Dedicazione della basilica Lateranense (Catechesi dialogata) 21 Novembre: Solennità di Nostro Signore Gesù Cristo Re dell'Universo (Catechesi dialogata)

Scarica la nostra App su