28 Gennaio: San Tommaso d'Aquino (Biografia dialogata)



San Tommaso d'Aquino (28 gennaio)
«I motori intermedi non muovono se non in quanto sono mossi dal primo motore, come il bastone non muove se non in quanto è mosso dalla mano. Quindi è necessario arrivare ad un primo motore che non sia mosso da altri; e tutti riconoscono che esso è Dio».. «Ciò che è privo di intelligenza non tende al fine se non perché è diretto da un essere conoscitivo e intelligente, come la freccia dall’arciere. Vi è dunque un qualche essere intelligente dal quale tutte le realtà naturali sono ordinate al fine: e questo essere lo chiamiamo Dio» (Summa Teologica I, q.2, prima e quinta via). Con queste ed altre celebri frasi Tommaso d’Aquino, il santo che festeggiamo oggi, argomenta circa l’esistenza di Dio.

Chi era concretamente questo gigante del pensiero?
Nasce intorno al 1225 nel castello di Roccasecca, nell’attuale provincia di Frosinone, dalla famiglia dei conti di Aquino. A 18 anni, contro la volontà della madre e dei fratelli, che lo inseguono per impedirglielo, entra a far parte dell’ordine dei domenicani. Si forma nel monastero di Montecassino (di cui lo zio era abate) e nelle grandi scuole del tempo, tra le quali Colonia, in cui conosce il suo futuro maestro: sant’Alberto Magno. Diventa quindi docente di teologia e filosofia a Parigi, Orvieto, Roma, Viterbo e Napoli.

Si dice che i compagni di studio gli abbiano affibbiato un curioso nomignolo..
Seppur amato da tutti, essendo obeso di costituzione e per via della sua mitezza e del suo essere sempre taciturno, da alcuni studenti parigini fu soprannominato “il bue muto”. I compagni di studio lo vedevano infatti totalmente immerso in ciò che studiava, fino addirittura a perdere le coordinate spazio-temporali: sembra che durante una traversata in mare, proprio mentre stava studiando, non s’accorse neppure di una terribile burrasca! Alberto Magno, a chi lo prendeva in giro attraverso quel nomignolo rispondeva: «Ah! Voi lo chiamate il bue muto! Io vi dico, quando questo bue muggirà, i suoi muggiti si udranno da un'estremità all'altra della terra!».

In cosa consistono questi “muggiti” di cui parla Alberto?
Nonostante la morte lo colse a soli 48 anni, il suo pensiero e l’enorme mole dei suoi scritti (su tutti la Summa Teologica) segnarono per sempre il pensiero cristiano e filosofico. Curioso e paradossale, tra l’altro, che uno dei più celebri domenicani di tutti i tempi, chiamati frati “predicatori”, dal latino “parlare davanti”, fosse definito proprio “bue muto”.. Ma quel che scrisse ad un certo punto non so soddisfò più: il 6 dicembre 1273, mentre celebrava l’Eucarestia, fu colto da una sorta di illuminazione, un “pensiero” in seguito al quale non volle più scrivere né dettare le sue riflessioni. A padre Reginaldo, che gliene chiese la ragione, rispose: «tutto quello che ho scritto è come paglia per me, in confronto a ciò che ora mi è stato rivelato».

Come e quando morì esattamente?
Con ogni probabilità si spense a causa di una malattia (nonostante alcuni ipotizzino per avvelenamento) all’alba del 7 marzo 1274, nel monastero cistercense di Fossanova, nell’attuale provincia di Latina, mentre si stava recando al Concilio di Lione convocato da Gregorio X. Morì subito dopo aver ricevuto l’Unzione degli Infermi e l’Eucarestia.

Come mai lo festeggiamo allora il 28 gennaio?
La data della sua festa liturgica è legata al giorno della traslazione del corpo in Francia, nel convento domenicano di Tolosa, avvenuta nel 1369. Altre reliquie si trovano invece in Italia: a Salerno, a Priverno e ad Aquino.

Cosa compì di così straordinario per diventare santo?
Quando Giovanni XXII lo canonizzò, nel 1323, a coloro che obiettavano il fatto che Tommaso non avesse compiuto particolari prodigi, il papa rispose con una frase divenuta poi celebre: «quante proposizioni teologiche scrisse, tanti miracoli fece». L’intelligenza del “Dottore angelico”, come venne chiamato dal XV secolo, non era infatti disgiunta dall’amore, al punto che il suo motto era «contemplata aliis tradere», in sostanza “partecipare agli altri il frutto della propria riflessione”.

Ti chiediamo Signore, per intercessione di Maria, “Sede della Sapienza”, e di Tommaso, di guidarci sui sentieri della vera conoscenza, sicuri che, come egli spesso amava dire, «l’amore ci raccoglie dove la conoscenza ci lascia».       

Recita
Federica Lualdi, Cristian Messina

Musica di sottofondo
Arrangiamento musicale di Gabriele Fabbri

Che giorno fa? (Memorie) 3 Dicembre: San Francesco Saverio (Biografia dialogata) 6 Dicembre: San Nicola di Bari (Biografia dialogata) 7 Dicembre: Sant'Ambrogio vescovo (Biografia dialogata) 13 Dicembre : Santa Lucia (Biografia dialogata) 14 Dicembre : San Giovanni della Croce (Biografia dialogata) 2 Gennaio: Santi Basilio Magno e Gregorio Nazianzeno (Biografia dialogata) 17 Gennaio: Sant'Antonio abate (Biografia dialogata) 21 Gennaio: Sant'Agnese (Biografia dialogata) 24 Gennaio: San Francesco di Sales (Biografia dialogata) 26 Gennaio: Santi Timoteo e Tito (Biografia dialogata) 28 Gennaio: San Tommaso d'Aquino (Biografia dialogata) 31 Gennaio: San Giovanni Bosco (Biografia dialogata) 5 Febbraio: Sant'Agata (Biografia dialogata) 6 Febbraio: San Paolo Miki e compagni (Biografia dialogata) 10 Febbraio: Santa Scolastica (Biografia dialogata) 23 Febbraio: San Policarpo (Biografia dialogata) 7 Marzo: Sante Perpetua e Felicita (Biografia dialogata) 11 Aprile: San Stanislao (Biografia dialogata) 2 Maggio: Sant'Atanasio (Biografia dialogata) Beata Vergine Maria, Madre della Chiesa: Lunedì dopo Pentecoste 26 Maggio: San Filippo Neri (Biografia dialogata) 1 Giugno: San Giustino (Biografia dialogata) 3 Giugno: San Carlo Lwanga e compagni martiri 5 Giugno: San Bonifacio (Biografia dialogata) 11 Giugno: San Bàrnaba (Biografia dialogata) 13 Giugno: Sant'Antonio di Padova (Biografia dialogata) 21 Giugno: San Luigi Gonzaga (Biografia dialogata) 28 Giugno: Sant'Ireneo di Lione (Biografia dialogata) 25 Giugno: Cuore Immacolato della Beata Vergine Maria (Catechesi dialogata) 15 Luglio: San Bonaventura (Biografia dialogata) 26 Luglio: Santi Gioacchino e Anna (Biografia dialogata) 29 Luglio: Santa Marta (Biografia dialogata) 31 Luglio: Sant'Ignazio di Loyola (Biografia dialogata) 1 Agosto: Sant'Alfonso Maria de' Liguori (Biografia dialogata) 4 Agosto: San Giovanni Maria Vianney (Biografia dialogata) 8 Agosto: San Domenico (Biografia dialogata) 11 Agosto: Santa Chiara (Biografia dialogata) 14 Agosto: San Massimiliano Maria Kolbe (Biografia dialogata) 20 Agosto: San Bernardo abate (Biografia dialogata) 21 Agosto: San Pio X (Biografia dialogata) 22 Agosto: Beata Maria Vergine Regina (Catechesi dialogata) 27 Agosto: Santa Monica (Biografia dialogata) 28 Agosto: Sant'Agostino (Biografia dialogata) 29 Agosto: Martirio di San Giovanni Battista (Catechesi dialogata) 3 Settembre: San Gregorio Magno (Biografia dialogata) 13 Settembre: San Giovanni Crisostomo (Biografia dialogata) 15 Settembre: Beata Vergine Maria Addolorata (Catechesi dialogata) 16 Settembre: Santi Cornelio e Cipriano (Biografia dialogata) 20 Settembre: Santi Andrea Kim e Paolo Chong e compagni (Biografia dialogata) 23 Settembre: San Pio da Pietrelcina (Biografia dialogata) 27 Settembre: San Vincenzo de' Paoli (Biografia dialogata) 30 Settembre: San Girolamo (Biografia dialogata) 1 Ottobre: Santa Teresa di Gesù Bambino (Biografia dialogata) 2 Ottobre: Santi Angeli Custodi (Catechesi dialogata) 7 Ottobre: Beata Vergine del Rosario (Catechesi dialogata) 15 Ottobre: Santa Teresa d'Avila (Biografia dialogata) 17 Ottobre: Sant'Ignazio di Antiochia (Biografia dialogata) 4 Novembre: San Carlo Borromeo (Biografia dialogata) 10 Novembre: San Leone Magno (Biografia dialogata) 11 Novembre: San Martino di Tours (Biografia dialogata) 12 Novembre: San Giosafat (Biografia dialogata) 17 Novembre: Santa Elisabetta d'Ungheria (Biografia dialogata) 21 Novembre: Presentazione della Beata Vergine Maria (Catechesi dialogata) 22 Novembre: Santa Cecilia (Biografia dialogata) 24 Novembre: Sant'Andrea Dung-Lac e compagni martiri (Biografia dialogata)

Scarica la nostra App su