Daniele 6,12-28 con il commento di Caterina Ciavattìni e Marco Padovani



Dal libro del profeta Daniele
Dn 6,12-28 

Testo del brano
In quei giorni, alcuni uomini accorsero e trovarono Daniele che stava pregando e supplicando il suo Dio. Subito si recarono dal re e gli dissero riguardo al suo decreto: «Non hai approvato un decreto che chiunque, per la durata di trenta giorni, rivolga supplica a qualsiasi dio o uomo all’infuori di te, o re, sia gettato nella fossa dei leoni?». Il re rispose: «Sì. Il decreto è irrevocabile come lo sono le leggi dei Medi e dei Persiani». «Ebbene – replicarono al re –, Daniele, quel deportato dalla Giudea, non ha alcun rispetto né di te, o re, né del tuo decreto: tre volte al giorno fa le sue preghiere». Il re, all’udire queste parole, ne fu molto addolorato e si mise in animo di salvare Daniele e fino al tramonto del sole fece ogni sforzo per liberarlo. Ma quegli uomini si riunirono di nuovo presso il re e gli dissero: «Sappi, o re, che i Medi e i Persiani hanno per legge che qualunque decreto emanato dal re non può essere mutato». Allora il re ordinò che si prendesse Daniele e lo si gettasse nella fossa dei leoni. Il re, rivolto a Daniele, gli disse: «Quel Dio, che tu servi con perseveranza, ti possa salvare!». Poi fu portata una pietra e fu posta sopra la bocca della fossa: il re la sigillò con il suo anello e con l’anello dei suoi dignitari, perché niente fosse mutato riguardo a Daniele. Quindi il re ritornò al suo palazzo, passò la notte digiuno, non gli fu introdotta nessuna concubina e anche il sonno lo abbandonò. La mattina dopo il re si alzò di buon’ora e allo spuntare del giorno andò in fretta alla fossa dei leoni. Quando fu vicino, il re chiamò Daniele con voce mesta: «Daniele, servo del Dio vivente, il tuo Dio che tu servi con perseveranza ti ha potuto salvare dai leoni?». Daniele rispose: «O re, vivi in eterno! Il mio Dio ha mandato il suo angelo che ha chiuso le fauci dei leoni ed essi non mi hanno fatto alcun male, perché sono stato trovato innocente davanti a lui; ma neppure contro di te, o re, ho commesso alcun male». Il re fu pieno di gioia e comandò che Daniele fosse tirato fuori dalla fossa. Appena uscito, non si riscontrò in lui lesione alcuna, poiché egli aveva confidato nel suo Dio. Quindi, per ordine del re, fatti venire quegli uomini che avevano accusato Daniele, furono gettati nella fossa dei leoni insieme con i figli e le mogli. Non erano ancora giunti al fondo della fossa, che i leoni si avventarono contro di loro e ne stritolarono tutte le ossa. Allora il re Dario scrisse a tutti i popoli, nazioni e lingue, che abitano tutta la terra: «Abbondi la vostra pace. Per mio comando viene promulgato questo decreto: In tutto l’impero a me soggetto si tremi e si tema davanti al Dio di Daniele, perché egli è il Dio vivente, che rimane in eterno; il suo regno non sarà mai distrutto e il suo potere non avrà mai fine. Egli salva e libera, fa prodigi e miracoli in cielo e in terra: egli ha liberato Daniele dalle fauci dei leoni».

 

 

Recita
Cristian Messina

Musica di sottofondo
A.Gandhi. One Step Closer. Raccolta audio YouTubeStudios. 

Meditazione
Caterina Ciavattini e Marco Padovani

Meditazione
In questi episodi emergono diverse dinamiche, che si ripetono ciclicamente nella storia dell’uomo e anche nella nostra storia quotidiana. Come ad esempio l’invidia dei Satrapi nei confronti di Daniele, delle sue capacità e virtù ben superiori alla media comune. Nonché, possiamo così definirlo, il razzismo, la discriminazione verso un uomo appartenente al popolo dei deportati, e quindi ai loro occhi non degno di accedere a tutto quel potere, nonostante fosse pienamente meritato dalle sue azioni. Daniele, dal canto suo, come già fatto in altre situazioni, non cerca di difendersi con argomentazioni specifiche o azioni particolari, lui si affida pienamente a Dio, con il quale ha un rapporto saldo e quotidiano, che lo fa trovare sempre “pronto” e all’altezza delle situazione, pur non compiendo specifiche “prodezze” per uscire da queste minacce. Daniele è come l’uomo, citato da Gesù nella famosa parabola, che ha costruito la sua casa sulla roccia, di fronte alla tempesta resta “semplicemente” fermo, saldo, tenace e si affida a ciò che ha già costruito e che, ogni giorno, continua a coltivare e tenere vivo: il suo rapporto con Dio.

Scarica la nostra App su