Vespri



Testo del Vespro
Recitiamo i Vespri nel tempo di Avvento. L'Avvento cammina insieme all'autunno, eppure è un tempo di speranza, perchè se in autunno i colori della natura che muore sono così belli, quanto saranno più meravigliosi i colori della vita nuova che attendiamo.

Canone di Avvento
Apri i miei occhi Signore
aprimi gli occhi del cuore
voglio vederti... voglio vederti...

Apri i miei occhi Signore 
aprimi gli occhi del cuore
voglio vederti... voglio vederti...

O Dio, vieni a salvarmi.
Signore, vieni presto in mio aiuto.
Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo. *

Come era nel principio, e ora e sempre,
nei secoli dei secoli. Amen. Alleluia.

L’Avvento dice di una notte che si sta diradando. Come all’inizio dei tempi il buio è stato vinto dalla luce, così l’Avvento prepara i nostri occhi a vedere la Luce di Dio.

Inno di Avvento
Creatore degli astri,
Verbo eterno del Padre,
la Chiesa consacra
il suo canto di lode, per te.

Nell'avvento glorioso,
alla fine dei tempi,
la tua misericordia
salva noi.

Per redimere il mondo,
travolto dal peccato,
nascesti Tu.

Cielo e terra
si prostrano a Te
tutte le creature
adorano Te.

A Te sia la gloria,
sia la lode,
Signore,
nato da Maria,
nei secoli sia lode. Amen.

Ant. Popolo di Dio, spera nel Signore.

Salmo 130 
Signore, non si inorgoglisce il mio cuore *
e non si leva con superbia il mio sguardo;
non vado in cerca di cose grandi, *
superiori alle mie forze.

Io sono tranquillo e sereno †
come bimbo svezzato in braccio a sua madre, *
come un bimbo svezzato è l'anima mia.

Speri Israele nel Signore, *
ora e sempre.

Gloria al Padre e al Figlio *
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

Ant. Popolo di Dio, spera nel Signore.

Lettura breve Cfr. 1 Cor 1, 7b-9
Aspettiamo la manifestazione del Signore nostro Gesù Cristo. Egli ci confermerà sino alla fine, irreprensibili nel giorno del Signore nostro Gesù Cristo: fedele è Dio, dal quale siete stati chiamati alla comunione del Figlio suo Gesù Cristo, Signore nostro.

Responsorio di Avvento
Vederti splendere Signor
nella luce della tua gloria
ricolmi del tuo amor
cantiamo santo santo santo...

Maria è giunta alle porte della Storia della Salvezza. Può ora cantare il Magnificat certa che la promessa di Dio si è avverata.

Cantico della Beata Vergine Lc 1, 46-55
L'anima mia magnifica il Signore 
e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,
ed il mio spirito esulta in Dio...

perché ha guardato l'umiltà della sua serva. 
D'ora in poi tutti mi chiameranno beata.

Grandi cose ha fatto in me l'Onnipotente 
e santo é il suo nome
e santo è il suo nome...

L'anima mia magnifica il Signore 
e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,
ed il mio spirito esulta in Dio...

per i secoli la sua misericordia 
si riversa su ogni uomo che lo teme.

Ha spiegato la potenza del suo braccio, 
e santo è il suo nome
e santo è il suo nome...

L'anima mia magnifica il Signore 
e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,
ed il mio spirito esulta in Dio...

Ha disperso i pensieri dei superbi
i potenti ha rovesciato giù dai troni
ha innalzato quelli umili il Signore
e santo è il suo nome
e santo è il suo nome...

L'anima mia magnifica il Signore 
e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,
ed il mio spirito esulta in Dio...

Ha ricolmato di beni gli affamati, 
ha rimandato i ricchi a mani vuote.
Ha soccorso Israele che è suo servo, 
come aveva promesso...
come aveva promesso...
Amen!

L'anima mia magnifica il Signore 
e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,
ed il mio spirito esulta in Dio...

Intercessioni
Invochiamo il Verbo eterno, che attraverso la sua umanità ha aperto per noi una via nuova e vivente al santuario del cielo:
Santo, santo, santo, voglio vederti...
Santo, santo, santo, voglio vederti...

Noi ti attendiamo, pieni di speranza,
- vieni, Signore Gesù.

In te abbiamo esistenza, energia e vita, o Signore,
- vieni e rivela a tutti gli uomini la tua presenza.

Tu, che non sei lontano da ciascuno di noi,
- mostrati a coloro che ti cercano con cuore sincero.

Padre dei poveri e consolatore degli infelici,
- dona libertà ai prigionieri, conforto ai sofferenti.

Tu che sei il Dio della vita,
- dona la gioia eterna ai nostri fratelli che oggi sono morti sul lavoro.

Padre nostro
Padre nostro, che sei nei cieli,
sia santificato il tuo nome,
venga il tuo regno,
sia fatta la tua volontà,
come in cielo così in terra.

Dacci oggi il nostro pane quotidiano,
e rimetti a noi i nostri debiti
come noi li rimettiamo ai nostri debitori,
e non ci indurre in tentazione,
ma liberaci dal male.
Amen, amen.

Orazione
Accogli o Padre, le preghiere della tua Chiesa e soccorrici nelle fatiche e nelle prove della vita; la venuta del Cristo tuo Figlio ci liberi dal male antico che è in noi e ci conforti con la sua presenza. Per Cristo nostro Signore. Amen.

Benediciamo il Signore.
Rendiamo grazie a Dio.

Recita
Franco Mastrolonardo, Paola Ragni, Valentina Rastelli,Elin Bartolini, Guenda Bugli, Chiara Bruscolini

Musica di sottofondo
Suoni di ambiente suono di una esplosione in lontananza dal sito freesound.org
Al salmo Arrangiamento musicale di Gabriele Fabbri

Canti
Inno Musicato da Emily Lepri. Canta e suona Emily Lepri
Canone di Avvento Autore: Paul Baloche.Titolo originale: Open the Eyes of My Heart. RNS
Magnificat Autore Rachele Consolini. Canta Rachele Consolini
Padre nostro Autore: Rachele Consolini. Canta Rachele Consolini

Preghiera liturgica
L’ Avvento è il primo atto dell’ anno liturgico. Anche il mattino è il primo momento della giornata. C’è un certo parallelismo tra l’Avvento e il mattino. Queste Lodi celebrano il mattino di Avvento, quando tutto parte per andare incontro al Dio che viene.
La linea di continuità è data dal canto del Rinnovamento nello Spirito: "Apri i miei occhi Signore!"
Questo è il ritornello avventizio: altrimenti come faremo a vedere nel Bambino di Betlemme il Dio della Gloria? L’Avvento è un Big Bang. Così all’inizio il suono di una esplosione simula l’inizio del tutto. Poi l’invocazione: aprici gli occhi perché possiamo vedere l’invisibile. Il ritmo delle lodi e dei vespri in Avvento è frizzante; l’attesa non concede sonno agli occhi; Anzi ci chiede di svegliarci dal sonno; ci si strofina gli occhi perché ancora il buio li tiene chiusi e pesanti.
Il canone di Avvento è ripetuto all’inizio e nelle intercessioni finali per tenere sempre vivo il clima avventizio durante l’ascolto delle Lodi.

Il Martedì chiede l'intervento di Dio sulle nostre fragilità. Nel salmo il popolo di Israele invova il ritorno a casa perchè vive il dolore della deportazione.

Cosa sono i Vespri?
Un tempo delicato e intimo è quello che precede la sera. E’ il tempo del tramonto che muove nel cuore un senso di commozione, di smarrimento, ma anche di profonda gratitudine. La preghiera che celebra questo tempo è la preghiera dei vespri. Ascoltare i vespri mentre si passeggia contemplando un tramonto o in macchina tornando dal lavoro è una esperienza spiritualmente significativa.

Come funzionano i Vespri in Pregaudio?
In Pregaudio questa preghiera viene fissata con uno schema molto semplice, accorciando sensibilmente la struttura “canonica”. La struttura di quattro settimane viene a ridursi ad una sola settimana. Viene tolto un salmo e il cantico e viene lasciato un solo salmo, quello che ritenevamo più rappresentativo del giorno.
Pur riducendolo di alcune parti, il vespro non perde il suo carattere liturgico. Anzi chi ascolta la preghiera è aiutato attraverso le didascalie a comprendere meglio la parti più importanti del vespro. All'inizio viene inquadrato il tempo liturgico nel quale la preghiera è inserita. Lo si fa con una semplice didascalia e con un motivo cantato. Subito dopo viene inquadrato il giorno e il momento della giornata. Un giovedì è diverso da un lunedì e la sera è ovviamente diversa dal mattino. Così anche i rumori di sottofondo vanno a prendere i suoni tipici della sera, come un fuoco acceso nel caminetto o un suono di campane in lontananza. Se siamo d'inverno potremmo sentire un vento impetuoso o in primavera uno stormo di uccelli in volo. Attraverso un ritmo che alterna con leggerezza preghiere e canti il vespro si ascolta quindi volentieri.

Cosa significa pregare di Martedì
Una volta partiti, da subito, constatiamo la nostra fragilità e siamo costretti a chiedere a Dio la guarigione. Infatti nel nostro cammino umano e spirituale capita di ammalarsi. Pertanto come per il fisico chiediamo l'intervento del medico, così per le malattie spirituali chiediamo l'intervento di Gesù. "Signore Gesù vedi che sono malato e solo: ti prego guariscimi”.
Il tema spirituale più vicino al giorno del martedì è certamente la preghiera di guarigione.

Scarica la nostra App su